jazyk italština   jazyk čeština   jazyk němčina   jazyk němčina   jazyk polština   jazyk španělština   jazyk němčina

Come ho fotografato il paesaggio notturno: una semplice guida su come farlo

Oggi ti racconto la storia di come è stata fatta la foto qui sotto (clicca sulla foto per ingrandirla). In questa storia ti insegnerò a fare foto simili con un bel cielo stellato. Quindi veniamo al punto.

Tempo: 20 secondi  –  ISO: 2500  –  F: 4  –   Focale: 16mm

Perché non fotografo solo il cielo?
L’ho provato. Anche queste sono foto molto belle. Ma una è come l’altra, e questo è noioso, no?

Per rendere la scena perfetta e la nostra foto originale, troviamo qualcosa, qualsiasi cosa, e aggiungiamola al cielo. Può essere la sagoma di un albero, come nel mio caso, oppure una roccia, un bosco, una croce, una collina… Posso solo consigliare di fare la scelta della scena adatta già durante il giorno.

Ho spento lo stabilizzatore e acceso l’autoscatto
Treppiedi. Probabilmente è ovvio. Ciò che viene dimenticato, tuttavia, è disabilitare la stabilizzazione. Ciò può causare una foto mossa quando si scatta con un treppiede.

Con l’aiuto dell’autoscatto, possiamo facilmente ottenere che la foto venga scattata “senza contatto”. Non dobbiamo affatto toccare la fotocamera, quindi così non muovere la foto a causa del nostro tocco sul pulsante di scatto.

Ho preso il mio obiettivo grandangolare.
Fotografiamo il cielo notturno con le focali più ampie possibili. Perché?

Perché più ampia è la focale, più facile è avere stelle nitide. Mentre con focale di 16 mm e un tempo di 20 secondi, le stelle saranno nitidissime, con una focale di 100 mm e il tempo di 20 secondi lo saranno già di meno. Più dettagli fotografiamo nel cielo, più “veloci” si muovono le stelle nel nostro mirino.

Se questo non viene compreso, è sufficiente darlo per scontato e utilizzare lunghezze focali fino a 20 mm per sensori APS-C e fino a 30 mm per reflex Full frame. C’è un detto, meno è, meglio è.

Puoi scoprire se le stelle sono davvero nitide semplicemente scattando una foto, visualizzandola in anteprima e ingrandendola molto.

Come ho impostato la fotocamera
In modalità manuale, ho impostato un tempo di 20 secondi, diaframma F 4 e ISO 2500.

Devi solo fare la stessa cosa. L’oscurità è oscurità ed è la stessa ovunque. Se sulla scena la luna brilla un po’, è possibile che la foto risulti un più luminosa.

Se la vogliamo più scura, basta abbassare l’ISO o aumentare il valore di apertura o ridurre il tempo.

Se la vogliamo più chiara, allora esattamente l’opposto.

Perché ho scelto un tempo di 20 secondi? Perché un tempo più lungo farebbe venire le stelle mosse a causa del loro movimento.

Perché ho scelto il diaframma F 4? Perché è il numero di diaframma più piccolo che ho sul mio obiettivo grandangolare, se potessi ne darei uno ancora più piccolo, magari 1.8. Minore è il numero di apertura, minore è l’ISO, minore è il rumore.

Non c’è bisogno di preoccuparsi della profondità di campo ridotta. Tutto ciò di cui abbiamo bisogno sarà nitido.

Scattiamo foto con focali di lunghezze ridotte.

E perché ISO 2500? Perché semplicemente è uscito con quella data apertura e quel tempo


Problemi di messa a fuoco
Forse ce li hanno tutti i fotografi nel buio. Sono dovuto passare alla messa a fuoco manuale. E mettere a fuoco quell’albero. È ideale che l’oggetto che stai fotografando sia abbastanza lontano da te.

Preferibilmente 5 metri e più. Quando metti a fuoco l’oggetto, tutto sarà nitido fino all’infinito, cioè anche le stelle sullo sfondo.


Ho qualche altro buon consiglio per te
Niente luna, molte stelle. Molte nuvole, niente stelle.

In poche parole, è bene scattare quando c’è la luna nuova (cioè senza luna) e tutto è sereno.

È anche bello vedere zone con una leggera nebbiolina.

Se posizioniamo il treppiede in mezzo alla città, non vedremo molte stelle a causa della luce dei lampioni. Questo è chiaro.

Portati una torcia, così sarai in grado di impostare meglio la fotocamera. E, naturalmente, spegnila durante l’esposizione.
E vestiti da non patire il freddo.

Come ho modificato la foto
L’unica modifica fatta con il PC è stata il bilanciamento del bianco (ho scattato in RAW – l’ho impostato su 6500K), un discreto aumento del contrasto e un leggero aumento della saturazione.

Riassunto veloce
1. treppiede, stabilizzazione disattivata, autoscatto.
2. apertura F 4 (la più piccola possibile), tempo 20 secondi (in nessun caso più lungo), ISO 2500, focale 16mm (usa lunghezze focali ridotte), bilanciamento del bianco sul simbolo delle nuvole.

Questo è tutto, niente di più, niente di meno.
Stammi bene e non vedo l’ora che mi invii i tuoi lavori.

Comments
  1. Great post Josef,
    I’ll follow your precious suggestions on my next night shot.
    Thanks

Add comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

I tuoi dati personali verranno utilizzati solo per l'elaborazione di questo commento. Dichiarazione sulle regole in materia di protezione dei dati personali